Choose your Language ↓

mercoledì 2 marzo 2011

Pensiamoci sù...

In occasione della chiacchieratissima settimana della moda milanese,che occupa la maggior parte dei post di molti blog, per una volta io invece vorrei mettere da parte le tendenze i modelli di quest'anno e così via, e voglio concentrami su cosa sia davvero la moda.

Parlando con una mia amica (Nilla i love you), oggi, su quello che potrebbe essere un nostro ipotetico futuro lavorativo.. siamo finte a parlare di come la gente vede altra gente.

Si di come ti guardano per strada qui (e sottolineo qui intesa come Italia) se indossi un capello "peloso" o un abitino e tacchi stiletto durante la settimana.

Facce strane, occhiatine ambigue è quello che leggiamo sui volti delle persone. (o almeno qui
anche perchè se gia ci spostiamo verso città come Londra e New York il discorso decisamente cambia.)
Essere alla moda è indossare qul nuovissimo paio di scarpe che abbiamo visto solo ieri in passerella???
Bè io non la penso proprio così...

Per me, significa esprimerci tramite gli abiti, guardare alle passerelle come linea guida da seguire per poi crearci uno stile personale che ci identifichi, e che non sia indossare una maglia orribilante solo perchè la si è vista sulla pagina di Vouge ed è firmata Gucci.

Ovviamente qui entra in gioco anche il gusto personale, infatti una cosa può essere bella per me ma non per voi, o il contrario, ed è da qui che dobbiamo partire per essere unici e non omologarci alla massa.

Perchè essere alla moda non significa essere tutti uguali!

Guardiamo al passato..

 Perchè mai ricordiamo donne come Coco Chanel, Grace kelly o Audrey Hepburn? 
La prima, ad esempio, ha voluto distinguersi facendo valere il proprio gusto e la proria voglia di esprimersi tramite ciò che più amava, sconvolgendo ciò che all'epoca era considerato "di moda", vestendo le donne ispirandosi al guardaroba maschile

«  Fino a quel momento avevamo vestito donne inutili, oziose, donne a cui le cameriere dovevano infilare le maniche; invece, avevo ormai una clientela di donne attive; una donna attiva ha bisogno di sentirsi a suo agio nel proprio vestito. »
(Coco Chanel, Storia illustrata della moda e del costume, 2001, p.222)

Mentre le due attrici, Grace e Audrey, ancora oggi, sono ricordate e stimare, per la loro grande eleganza e semplicità, che esprimevano nel loro modo di essere.



























Queste sono solo tre tra le tante grandi Donne che hanno saputo lasciare il segno per quello che era il loro  stile personale!

"Le mode" poi sono sempre nate da chi ha saputo pensare ed andare contro corrente!
-mio piccolo pensiero filosofico del giorno-

Ok ora potete darmi della pazza dopo tutto queto mio bla bla bla, oppure potete dirmi la vostra...

With Love
Giusy

13 commenti:

  1. la penso come te, la moda è espressione, è un riflesso della nostra personalità.
    se una cosa è in voga ma la trovo brutta non la compro e non me la faccio piacere per forza, se una cosa mi piace ma non va di moda la indosso senza preoccupazioni.

    buon mercoledì!

    RispondiElimina
  2. cara amica mia!io invece credo che la moda non è solo avere uno stile particolare....a me per esempio piace divertirmi in stili ed allure diversi per sentirmi differente ogni volta...credo che la moda voglia esprimere qualcosa sempre se noi vogliamo esprimere quel qualcosa....quando vedo per strada ragazzine vestite con giubbotti e scarpe tutte uguali penso che per adesso andrà bene per loro perchè sono ancora piccole..ma quando cresceranno e con loro crescerà anche il loro gusto spero tanto che capiscono che non bisogna indossare l'intero outfit delle vetrine per sentirsi belle!
    un baciooooo❤

    RispondiElimina
  3. giu,che bell'articolo complimenti!condivido tutto,non guardo mai a cosa "va di moda" quest'anno,ma a quello che mi piace di più nei negozi,e negli abiti che ho nell'armadio...
    comunque si è vero,se vai in giro con un cappello strano ad esempio,qui a Roma (e sicuramente anche nelle altre città d'italia) tutti ti guardano come se fossi matta.A Londra invece è bellissimo perchè puoi metterti quello che vuoi sempre e comunque,e al massimo la gente si fa una risata :D
    ciao coety!

    RispondiElimina
  4. esatto giulia dovremmo iniziare a prendere tutto un pò meno seriamente, la moda è anche divertirsi a mescolare vari stili come appunto dicevi tu nilla.

    Vi adoro girls <3

    RispondiElimina
  5. Non ti prendiamo assolutamente per pazza perchè hai ragione! Bel post (:
    La moda è esprimere se stessi e distinguersi come hanno fatto Coco ,Grace e Audrey. E' crearsi un proprio stile non sempre seguendo le ultime tendenze, sì è bello prenderci spunto ma alla fine se seguiamo tutti lo stesso modello senza un minimo di creatività si avranno solo stili uguali identici.

    Se ti va passa da me (:

    http://likeafashionstylist.blogspot.com/
    xoxo. <3

    RispondiElimina
  6. Ciao cara, bel blog! Mi sono iscritta, se vuoi ricambia!
    http://makeupreview92.blogspot.com/

    RispondiElimina
  7. Ohh,,Giusy che belle parole! io penso tutto quello ke hai detto e sn all 100% d'accordo con te *________* ..Ah Dimenticavo adoro Coco Chanel ^^ by La tua Sorellina :P

    RispondiElimina
  8. Per esperienza personale tutti saranno sempre pronti a dire che la moda è ricerca di stile...ma poi tutti corrono dietro all'ultimo capetto "di moda" e dietro un grande nome...e se ti azzardi a non riconoscere una sfilata...giù con le critiche.
    Bello eh.

    RispondiElimina
  9. Bellissimo post!
    Sono perfettamente d'accordo con te. Moda e stile non sempre coincidono con griffe, sfilata, passerella, etc..
    Ci sono ragazze che comprano tutto al mercato e hanno più stile di chi è tutta firmata Chanel ma copia pari pari riviste o sfilate. Un capo deve parlare di noi, non al nostro posto!!

    http://audreyinwonderland-audrey.blogspot.com/

    RispondiElimina
  10. Hai perfettamente ragione Rano, sono tutti bravi a predicare ma in fin dei conti gli stessi che predicano razzolano malissimo... e di questi penso che siano così poco sicuri di se stessi che hanno biasogno di nascondersi dietro ad un capo firmato per sentirsi accettati.

    Audry non potrei essere più d'accordo con te!

    RispondiElimina
  11. credo che tu abbia perfettamente ragione,e anche che è vero che qui in Italia non siamo liberi di esprimere il nostro io attraverso ciò che indossiamo senza dover essere criticate o giudicate.....purtroppo il nostro è un paese gretto...

    RispondiElimina
  12. complimenti per il blog, è molto interessante!

    RispondiElimina
  13. Bellissimo post e blog...!! ti seguo!!!

    RispondiElimina

Ogni commento è sempre bene accetto. Grazie ❤